Centro Storico, Napoli in Sinergia attacca: «Turisti alle prese con rifiuti e venditori abusivi, è questo il rilancio della città?»

Nella foto Armando Coppola
Nella foto Armando Coppola

«Il sindaco de Magistris deve decidersi a spiegare se per lui il rilancio turistico ed economico della città debba necessariamente fare il pari con i cumuli di rifiuti e con l’incremento dei venditori abusivi. Le persone che, malgrado l’assenza di politiche di accoglienza turistica da parte del Comune, stanno decidendo di visitare la nostra città si trovano costantemente alle prese con una città invasa da venditori abusivi che, in qualche caso, rendono addirittura difficoltoso il transito pedonale. Via Tribunali è solo uno dei tantissimi esempi che si potrebbero fare in tal senso».  Così Armando Coppola, presidente di Napoli in Sinergia, che ha stigmatizzato la scarsa attenzione del Comune di Napoli sul problema della vendita abusiva di merci contraffatte e sulla scarsa pulizia delle strade. Il numero uno di Napoli in Sinergia ha fermamente condannato l’immobilismo di palazzo San Giacomo auspicando una netta inversione di tendenza che si traduca in un massiccio contrasto ai venditori abusivi. «Probabilmente per de Magistris il problema dei venditori abusivi è un problema secondario. È importante che il sindaco ricordi che i venditori abusivi sono solo l’ultimo anello della catena che conduce direttamente ai clan camorristici. Sono i clan – continua Coppola –che fanno affari, ai venditori va solo una piccola parte degli introiti derivanti dal commercio illegale. Un ex magistrato non dovrebbe ignorare che questo fenomeno mette letteralmente in ginocchio l’economia legale sempre più strangolata da tasse e balzelli vari a scapito dell’economia criminale». Sul mancato spazzamento di alcune strade del centro storico il presidente di Napoli in Sinergia afferma: «E’ vergognoso vedere la città alle prese con un servizio di spazzamento non adeguato alle esigenze di una metropoli che si sta rilanciando con il turismo. I cestini gettacarte sono colmi di rifiuti fin dalle prime ore del mattino e non è concepibile che non vengano svuotati fino al giorno successivo. Nelle grandi città turistiche d’Europa – prosegue Armando Coppola – si fa di tutto per offrire un servizio degno a chi viene dall’estero ed ai cittadini che vivono la città tutti i giorni. Le immagini dei nostri monumenti imbrattati e pieni di rifiuti – conclude Coppola – la dicono lunga sulla volontà di nascondere la polvere sotto al tappeto anziché affrontare i problemi da parte di questa amministrazione comunale».